Seleziona una pagina

L-Acetil-Carnitina (LAC): luci e ombre?

Mar 15, 2024 | Nutraceutica

Tante luci sulla L-Acetil-Carnitina (LAC), una molecola sicuramente molto interessante. Ma alcuni parlano anche di possibili ombre; ora ti racconto tutto.

La LAC è una forma acetilata del derivato aminoacidico carnitina: è coinvolta in una vasta gamma di processi fisiologici nel corpo umano e può dare molti benefici.

Produzione di energia

Una delle principali funzioni della carnitina è quella di trasportare gli acidi grassi all’interno dei mitocondri, dove vengono convertiti in energia; a livello della membrana mitocondriale interna infatti è presente un sistema di trasporto della carnitina che quindi consente l’ingresso dei grassi all’interno dei mitocondri.

Questo processo è essenziale per mantenere buoni livelli di energia e favorire la resistenza fisica ed è uno dei motivi principali per cui è consigliabile negli sportivi o anche negli stati di stanchezza in generale.

Perdita di peso?

Proprio per questo maggiore utilizzo di grassi a livello cellulare/mitocondriale si è evidenziato in alcuni studi che l’assunzione di LAC potrebbe contribuire alla perdita di peso, o meglio perdita di massa grassa, ma qui attendiamo maggiori conferme.

Funzione antidolorifica

La LAC è molto utilizzata anche per il dolore di tipo neuropatico, o in generale in quello che viene definito mixed pain, ovvero dolore di origini diverse.

Qui ti racconto una chicca: la LAC agisce su più vie del dolore, ma ha un meccanismo unico, tutto suo, che agisce a livello epigenetico.

È infatti in grado di attivare, sul nostro DNA, senza modificarlo, delle regioni particolari che portano a maggiore produzione di recettori per un neurotrasmettitore. il glutammato. Questi recettori si chiamano mGlu2.

Maggiore è il numero di questi recettori mGlu2 e maggiore è il loro effetto inibitorio sulla trasmissione del dolore (il discorso sarebbe ben più complesso, ma semmai ne parlerò in un altro articolo!).

Questo effetto epigenetico si può stimolare maggiormente con dosi iniziali di carico di LAC, le quali portano a maggiore espressione di questi recettori; una cosa molto interessante poi è che tutto ciò viene mantenuto anche dopo la sua sospensione, fino anche a un mese addirittura, proprio grazie alla permanenza di questi recettori, che una volta terminato il farmaco, rimangono comunque presenti e attivi.

Ecco come la LAC può essere davvero utile sul dolore e quanto può permanere il suo effetto!

Altri benefici

La LAC ha anche azione antiossidante e anti-infiammatoria, protegge le cellule dai danni causati dai radicali liberi e può quindi ridurre l’infiammazione cronica.

Ci sono poi studi sulla sua utilità a livello del nostro cervello, su attenzione, apprendimento e memoria, e poi sulla sua utilità a livello del nostro cuore, per via della sua azione protettiva sull’endotelio, il rivestimento interno dei nostri vasi sanguigni, il vero terreno di battaglia per le patologie cardio-cerebro-vascolari.

Infine si è dimostrata utile per la fertilità maschile, per la possibilità di aumentare la motilità degli spermatozoi e migliorare la qualità del liquido seminale.

Quale LAC?

Questa ha tra i migliori dosaggi. 2 insieme dopo colazione potrebbe essere un buon dosaggio, a cicli.

Ci sono ombre sulla LAC?

Questa molecola, nonostante i suoi comprovati benefici, è stata oggetto di discussione per il suo possibile aumento della TMAO, un parametro misurabile nel sangue associato ad un aumentato rischio cardiovascolare.

Questa TMAO (trimetilammina-N-ossido) è un prodotto di alcune specie batteriche del nostro intestino in seguito alla presenza di carnitina. Quindi, in alcuni studi, si è fatta un’associazione carnitina-rischio cardiovascolare. Essendo poi la carnitina presente soprattutto nella carne, ecco l’ulteriore associazione carne-rischio cardiovascolare.

Approfondirò in un altro articolo il discorso carne-rischio cardiovascolare, tranquillizzandovi.

Pochi laboratori misurano la TMAO, e può aumentare anche con altre molecole, come colina e lecitina.

A proposito della LAC, premesso che c’è ancora molta “discordia” tra gli studi su questo punto, una mia interpretazione è che se la LAC viene usata a livello mitocondriale, ovvero se il nostro corpo ha bisogno di più energia, ovvero se non siamo sedentari e svolgiamo una buona attività fisica, in particolare di forza, è ben difficile che ci sia un aumento della TMAO, anzi andiamo a giocare proprio sul prevenire in maniera importante eventuali problemi cardiovascolari, proprio grazie ad una buona attività fisica.

Insomma, per fugare ogni dubbio, muoviti, e se usi LAC, ancora meglio.

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

  • Sawicka AK, Renzi G, Olek RA. The bright and the dark sides of L-carnitine supplementation: a systematic review. J Int Soc Sports Nutr. 2020 Sep 21;17(1):49. doi: 10.1186/s12970-020-00377-2. PMID: 32958033; PMCID: PMC7507632.
  • Jones LL, McDonald DA, Borum PR. Acylcarnitines: role in brain. Prog Lipid Res. 2010 Jan;49(1):61-75. doi: 10.1016/j.plipres.2009.08.004. Epub 2009 Aug 25. PMID: 19715771; PMCID: PMC2790424.
  • Bordoni L, Sawicka AK, Szarmach A, Winklewski PJ, Olek RA, Gabbianelli R. A Pilot Study on the Effects of l-Carnitine and Trimethylamine-N-Oxide on Platelet Mitochondrial DNA Methylation and CVD Biomarkers in Aged Women. Int J Mol Sci. 2020 Feb 5;21(3):1047. doi: 10.3390/ijms21031047. PMID: 32033285; PMCID: PMC7037757.
  • Samulak JJ, Sawicka AK, Hartmane D, Grinberga S, Pugovics O, Lysiak-Szydlowska W, Olek RA. L-Carnitine Supplementation Increases Trimethylamine-N-Oxide but not Markers of Atherosclerosis in Healthy Aged Women. Ann Nutr Metab. 2019;74(1):11-17. doi: 10.1159/000495037. Epub 2018 Nov 28. PMID: 30485835.
  • Iliceto S, Scrutinio D, Bruzzi P, D’Ambrosio G, Boni L, Di Biase M, Biasco G, Hugenholtz PG, Rizzon P. Effects of L-carnitine administration on left ventricular remodeling after acute anterior myocardial infarction: the L-Carnitine Ecocardiografia Digitalizzata Infarto Miocardico (CEDIM) Trial. J Am Coll Cardiol. 1995 Mar 1;26(3):380-7. doi: 10.1016/0735-1097(95)00153-s. PMID: 7630136.
  • Yash Thakur, Ruchi Bharti, Renu Sharma, Myths and reality of L-carnitine (3-Hydroxy 4-N trimethylammonium butyrate) supplementation and its chemistry: A systematic review, Materials Today: Proceedings, Volume 48, Part 5, 2022, Pages 1277-1282, ISSN 2214-7853, https://doi.org/10.1016/j.matpr.2021.08.287.
  • Montgomery SA, Thal LJ, Amrein R. Meta-analysis of double blind randomized controlled clinical trials of acetyl-L-carnitine versus placebo in the treatment of mild cognitive impairment and mild Alzheimer’s disease. Int Clin Psychopharmacol. 2003 Mar;18(2):61-71. doi: 10.1097/00004850-200303000-00001. PMID: 12598816.
  • Muhammad Zubair Israr, Dennis Bernieh, Andrea Salzano, Shabana Cassambai, Yoshiyuki Yazaki, Liam M. Heaney, Donald J.L. Jones, Leong L. Ng, Toru Suzuki, Association of gut-related metabolites with outcome in acute heart failure, American Heart Journal, Volume 234, 2021, Pages 71-80, ISSN 0002-8703, https://doi.org/10.1016/j.ahj.2021.01.006.
  • Traina G. The neurobiology of ace- tyl-L-carnitine. Front Biosci (Landmark Ed) 2016;21:1314-29.
  • 12 Li S, Li Q, Li Y, et al. Acetyl-L-carnitine in the treatment of peripheral neuropathic pain: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. PLoS ONE 2015;10:e0119479
  • ani PJ, Panneerselvam C. Carnitine as a free radical scavenger in aging. Exp Gerontol. 2001 Jul;36(7):1713-26. doi: 10.1016/s0531-5565(01)00134-5. PMID: 11602219.
  • Lenzi A, Lombardo F, Sgro P, Salacone P, Caponecchia L, Dondero F, Gandini L. Use of carnitine therapy in selected cases of male factor infertility: a double-blind crossover trial. Fertil Steril. 2003 Apr;79(4):292-300. doi: 10.1016/s0015-0282(02)04679-5. PMID: 12675823.
  • Sarzi-Puttini P. et al. Acetyl-L-carnitine in chronic pain: A narrative review. Pharmacol Res. 2021 Sep 7;173:105874. doi: 10.1016/j.phrs.2021.105874.
  • Brooks JO 3rd, Yesavage JA, Carta A, Bravi D. Acetyl L-carnitine slows decline in younger patients with Alzheimer’s disease: a reanalysis of a double-blind, placebo-controlled study using the trilinear approach. Int Psychogeriatr. 1998 Jun;10(2):193-203. doi: 10.1017/s1041610298005465. PMID: 9744414.
  • Fornasari D. Pain mechanisms in patients with chronic pain. Clin Drug Investig 2012;32(Suppl 1):45-52

2 Commenti

  1. Paolo

    Salve dott.Solari,ci sono controindicazioni nell’ associazione tra creatina mono idratato e L-aceti carnitina?? La ringrazio per una eventuale risposta e complimenti per la sua capacità comunicativa.

    Rispondi
  2. Mauro Tiziani

    Buongiorno, ho 58 anni, ho ripreso a correre a piedi dopo più di 5 anni di stop.
    Sono aumentato di peso , ero arrivato a 84 kg per un altezza di 174 cm.
    L’allenamento mi sta aiutando a perdere peso e acquistare residenza e velocità.
    Ma il recupero e molto lento e sono sempre stanco.
    Mi aiuto con la carnitina, 4 g al giorno.
    Domanda:
    La LAC e carnitina vanno in conflitto se assunti insieme?
    Cosa potrei fare per avere un recupero di energia più rapido?

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *