Seleziona una pagina

Gli integratori per non ammalarsi

Nov 5, 2023 | Medicina Preventiva, Nutraceutica

Con l’arrivo dell’inverno la paura di prendersi un virus è molto frequente.

Restare a casa con un’infezione respiratoria, magari un po’ di febbre e usare sedici pacchi di fazzoletti al giorno non è il massimo per nessuno.

Ti tranquillizzo, esistono delle molecole utili per prevenire o comunque ridurre il rischio di tutto ciò, e scommetto che almeno una non l’hai mai sentita nominare.

E sì, alla fine ti dirò i mix migliori.

Vitamina C

Ecco la regina della prevenzione delle infezioni virali. La vitamina C è un potente antiossidante che svolge un ruolo chiave nel sostenere il sistema immunitario.

Lascia perdere gli ansiosi che ti dicono che va presa al massimo 80 mg al giorno, il dosaggio ideale in prevenzione è di almeno 1-2 grammi al giorno.

È utile anche se il virus te lo sei già preso: è assai nota la sua capacità di ridurre la durata e la gravità del classico raffreddore, ad esempio. Qua si può abbondare con anche 5-10 grammi al giorno, a seconda del caso clinico.

Mi raccomando, prendi vitamina C associata a flavonoidi, per ridurre il rischio di ossidazione paradossa (ti parlerò della reazione di Fenton in un’altra occasione).

Questo è il prodotto che contiene entrambi apposta.

Vitamina D

Se la vitamina C è la regina, la vitamina D è la principessa del regno. Ho fatto molti articoli sulla vitamina D, o meglio, ormone D, non ti dirò oltre.
Dosaggio ideale almeno 2000 UI al giorno, a salire, a seconda di età, sesso, condizione clinica, valori di base di vitamina D.

Beta-glucani

I beta-glucani sono polisaccaridi presenti in funghi come il Reishi, il Maitake e lo Shiitake.

Questi composti sono noti per stimolare il sistema immunitario, aumentando la produzione di cellule immunitarie come i macrofagi e i linfociti T.

È dimostrato che i beta-glucani potenzino risposta immunitaria contro i virus influenzali e altre infezioni virali.

Li troviamo in diversi prodotti utili proprio a prevenire le infezioni virali, come ad esempio:

Minerali

Lo zinco è un minerale essenziale per il funzionamento ottimale del sistema immunitario. Assumere integratori di zinco o consumare cibi ricchi di zinco, come carne, legumi e noci, può aiutarci nei nostri scopi.

Oltre allo zinco va menzionato il selenio: anch’esso supporta il sistema immunitario. Contribuisce a prevenire l’accumulo di radicali liberi che possono indebolire il sistema immunitario.

Da citare come utili anche rame, magnesio, ferro (se carente).

Qui troviamo zinco e selenio insieme ad un buon dosaggio.

Lattoferrina

La lattoferrina è una proteina che ha il compito di trasportare il ferro nel sangue, con capacità due volte superiori rispetto a quella della transferrina. Oltre a questa funzione, possiede anche notevoli proprietà antimicrobiche.

Ha note proprietà antiossidanti, immunomodulatrici e antivirali. Questa è una delle mie preferite, e le dedicherò presto un articolo a parte.

Qui la trovi con lisozima, altra molecola utile.

Nessun prodotto trovato.

NAC (N-acetil-cisteina)

Utilissima, non fartela mancare. Ne ho parlato abbondantemente qui. Da 600 a 1200 mg al giorno.

Quercetina

Flavonoide con attività antivirale contro diversi virus, tra cui il virus influenzale e il virus dell’herpes. Ha anche azione antiossidante e modulatoria sul sistema immunitario. Da 500 a 1000 mg al giorno.

Altre molecole

Per completezza ti cito anche:

  • pelargonio, o radice del geranio sudafricano: numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia di questa pianta nel ridurre la durata e la gravità dei sintomi del raffreddore e dell’influenza)
  • l’astragalo, utilizzato nella medicina tradizionale cinese per aumentare la resistenza del corpo alle infezioni
  • l’echinacea: niente di nuovo, usata da sempre per il sistema immunitario, e funziona.
  • l’estratto di sambuco, ricco di antociani, flavonoidi e polifenoli con potenziali proprietà antivirali
  • la fantastica curcuma, potente antiossidante e anti-infiammatorio naturale. Da tempo si sa che la curcumina sostiene il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione.

In generale potremmo includere anche molte altre sostanze con azione antiossidante ed antinfiammatoria, ma mi fermo qui.

Ma c’è un prodotto con tutto questo?

Non ce n’è uno solo, ma ti metto i link dei prodotti più completi.

Questo mix contiene alcune sostanze citate, anche 2 al giorno, dopo colazione.

Queste bustine contengono beta glucani, vitamina D, lattoferrina e quercitina; 1-2 al giorno.

Fammi sapere quale molecola ti interessa di più e quali pensi di utilizzare per l’arrivo dell’inverno!

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

  • Hemilä, H. (2017). Vitamin C and Infections. Nutrients, 9(4), 339.
  • Li CX, Liu Y, Zhang YZ, Li JC, Lai J. Astragalus polysaccharide: a review of its immunomodulatory effect. Arch Pharm Res. 2022 Jun;45(6):367-389. doi: 10.1007/s12272-022-01393-3. Epub 2022 Jun 17. PMID: 35713852.
  • Block KI, Mead MN. Immune system effects of echinacea, ginseng, and astragalus: a review. Integr Cancer Ther. 2003 Sep;2(3):247-67. doi: 10.1177/1534735403256419. PMID: 15035888.
  • Beck, M. A. (2007). Selenium and viral infections. Journal of Nutrition, 137(5), 1338-1343.
  • Kowalczyk P, Kaczyńska K, Kleczkowska P, Bukowska-Ośko I, Kramkowski K, Sulejczak D. The Lactoferrin Phenomenon-A Miracle Molecule. Molecules. 2022 May 4;27(9):2941. doi: 10.3390/molecules27092941. PMID: 35566292; PMCID: PMC9104648.
  • Carr, A. C., & Maggini, S. (2017). Vitamin C and Immune Function. Nutrients, 9(11), 1211.
  • Dinicola S, De Grazia S, Carlomagno G, Pintucci JP. N-acetylcysteine as powerful molecule to destroy bacterial biofilms. A systematic review. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2014 Oct;18(19):2942-8. PMID: 25339490.
  • Prasad, A. S. (2008). Zinc in human health: effect of zinc on immune cells. Molecular Medicine, 14(5-6), 353-357.
  • Jenssen, H., Hancock, R. E., & Chapple, D. S. (2005). Lactoferrin and lactoferricin inhibit the growth of Neisseria gonorrhoeae. Journal of Antimicrobial Chemotherapy, 56(6), 1053-1058.
  • Ganesan, S., Faris, A. N., & Comstock, A. T. (2012). Quercetin as an Antiviral Agent Inhibits Influenza A Virus Entry. Viruses, 4(6), 1000-1012.
  • Weng, J. R., & Lin, C. S. (2013). Antiviral activities of flavonoids and structural analogues. Antiviral Research, 97(3), 363-375.
  • Legrand, D., & Mazurier, J. (2010). A critical review of the roles of host lactoferrin in immunity. BioMetals, 23(3), 365-376.
  • Krawitz, C., Mraheil, M. A., Stein, M., Imirzalioglu, C., Domann, E., Pleschka, S., & Hain, T. (2011). Inhibitory activity of a standardized elderberry liquid extract against clinically-relevant human respiratory bacterial pathogens and influenza A and B viruses. BMC Complementary and Alternative Medicine, 11(1), 16.
  • Rinnerthaler M, Bischof J, Streubel MK, Trost A, Richter K. Oxidative stress in aging human skin. Biomolecules. 2015 Apr 21;5(2):545-89. doi: 10.3390/biom5020545. PMID: 25906193; PMCID: PMC4496685.
  • Ahmad R, Riaz M, Khan A, Aljamea A, Algheryafi M, Sewaket D, Alqathama A. Ganoderma lucidum (Reishi) an edible mushroom; a comprehensive and critical review of its nutritional, cosmeceutical, mycochemical, pharmacological, clinical, and toxicological properties. Phytother Res. 2021 Nov;35(11):6030-6062. doi: 10.1002/ptr.7215. Epub 2021 Aug 19. PMID: 34411377.
  • Mallard B, Leach DN, Wohlmuth H, Tiralongo J. Synergistic immuno-modulatory activity in human macrophages of a medicinal mushroom formulation consisting of Reishi, Shiitake and Maitake. PLoS One. 2019 Nov 7;14(11):e0224740. doi: 10.1371/journal.pone.0224740. PMID: 31697749; PMCID: PMC6837746.
  • Luna LA Jr, Bachi AL, Novaes e Brito RR, Eid RG, Suguri VM, Oliveira PW, Gregorio LC, Vaisberg M. Immune responses induced by Pelargonium sidoides extract in serum and nasal mucosa of athletes after exhaustive exercise: modulation of secretory IgA, IL-6 and IL-15. Phytomedicine. 2011 Feb 15;18(4):303-8. doi: 10.1016/j.phymed.2010.08.003. Epub 2010 Sep 18. PMID: 20850953.
  • Mollazadeh H, Cicero AFG, Blesso CN, Pirro M, Majeed M, Sahebkar A. Immune modulation by curcumin: The role of interleukin-10. Crit Rev Food Sci Nutr. 2019;59(1):89-101. doi: 10.1080/10408398.2017.1358139. Epub 2017 Sep 6. PMID: 28799796.
  • Tiralongo, E., Wee, S. S., & Lea, R. A. (2016). Elderberry Supplementation Reduces Cold Duration and Symptoms in Air-Travellers: A Randomized, Double-Blind Placebo-Controlled Clinical Trial. Nutrients, 8(4), 182.
  • Zakay-Rones, Z., Thom, E., Wollan, T., & Wadstein, J. (2004). Randomized study of the efficacy and safety of oral elderberry extract in the treatment of influenza A and B virus infections. Journal of International Medical Research, 32(2), 132-140.
  • Valko M, Rhodes CJ, Moncol J, Izakovic M, Mazur M. Free radicals, metals and antioxidants in oxidative stress-induced cancer. Chem Biol Interact. 2006 Mar 10;160(1):1-40. doi: 10.1016/j.cbi.2005.12.009. Epub 2006 Jan 23. PMID: 16430879.

4 Commenti

  1. Barbara

    Buongiorno dottore,
    Grazie per tutte queste interessanti informazioni.
    Una domanda: meglio integrare con NAC oppure con il glutatione?
    Grazie mille

    Rispondi
    • valeriosolari@me.com

      Dipende dalla situazione clinica e da vie e modalità di somministrazione. Il NAC è di solito ben più biodisponibile, se parliamo di assunzione per bocca.

      Rispondi
  2. Vincenzo

    Scusa, ma la vitamina c liposomiale non è migliore? Eventualmente consigli qualche marca?
    Grazie

    Rispondi
    • valeriosolari@me.com

      A dosaggi superiori consiglio più volentieri quella con bioflavonoidi per i motivi citati.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *