Seleziona una pagina

Altro allarme sugli Omega-3: ti racconto tutto.

Mag 28, 2024 | Nutraceutica

Mi avete segnalato in molti questo articolo in cui si associa l’uso di omega3 a problemi cardiovascolari.

Ti tranquillizzo. Innanzitutto questo è uno studio osservazionale, non è possibile trarre conclusioni sui fattori causali, ovvero non non è stata trovata una causa per cui gli omega3 possano aumentare questi rischi. Hanno solo descritto un dato statistico, e si parla di piccole percentuali di variazione.

https://youtu.be/JivfBWqUrVs

Attualmente quindi non esiste un meccanismo biologico plausibile per evidenziare un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Ma la cosa più rilevante è che non si parla di dosi e di quali tipi di omega3 sono stati usati, e come già ti ho raccontato più volte, il tipo di omega 3 può fare la differenza.

Anche in Italia, l’AIFA, l’agenzia Italiana del farmaco, aveva emesso un alert sugli omega 3 e il rischio di fibrillazione atriale. Ma questo alert riguardava gli omega 3 di scarsa qualità, quelli da esteri etilici, che non sono gli omega 3 presenti in natura e sono spesso li troviamo già ossidati. Quindi, invece che ridurre l’infiammazione, la possono aumentare. E qual è la prima causa dei problemi cardiovascolari, come ti dico sempre?

Qui trovi tutta questa spiegazione, ci avevo fatto un articolo apposta e un video con lavagna e disegni!

omega-3

I migliori Omega-3

Gli omega 3 migliori, te l’ho già detto più volte, sono quelli in forma di trigliceridi, ben conservati, al buio, non al calore, 5 stelle IFOS, su cui esiste una monumentale letteratura che parla di loro benefici in vari ambiti della prevenzione.

E, ancora meglio, se c’è un antiossidante al loro interno, proprio per prevenire la loro lipoperossidazione, come la vitamina E o l’astaxantina, siamo ancora più tranquilli.

Il giorno che uscirà uno studio che associa un meccanismo biochimico innescacato da omega 3 in forma di trigliceridi ad una qualsiasi patologia o rischio serio, ti assicuro, sarò il primo ad avvertirti e sarò il primo a smettere di prenderli. 

Spero non accadrà e spero di non dover rivedere tutto questo.

Nel frattempo… io continuo ad assumerli senza problemi.

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *