Seleziona una pagina

VO2max, un parametro di longevità!

Gen 14, 2024 | Antiaging, Attività fisica, Fisiologia, Medicina Preventiva

C’è un esame importantissimo da fare per misurare la nostra salute aerobica, la nostra salute cardiovascolare e valutare l’età biologica: la VO2max.

Ci sono dei test molto specifici per misurarla e per avere molte informazioni sul tuo corpo, e ora ti racconto tutto.

Cos’è la VO2max?

La VO2max è la quantità massima di ossigeno che il corpo è in grado di utilizzare in un’unità di tempo

Definisce quanto i nostri tessuti sono “bravi”, quanto sono efficienti a prendersi l’ossigeno che gli serve per produrre energia.

Quando pratichi attività fisica, i tuoi muscoli hanno bisogno di più ossigeno per produrre energia. La VO2max è il punto in cui il tuo corpo non può più aumentare la quantità di ossigeno utilizzata nonostante l’aumento dell’intensità dell’esercizio. Cioè, per quanto ti sforzi ancora di più, i tuoi tessuti hanno già il massimo di ossigeno che riescono a prendersi.

Il cuore pompa a riposo 5 litri di sangue al minuto, sotto sforzo arriva a pomparne 20-30 litri al minuto. I tessuti periferici, in base a tante variabili, essenzialmente metaboliche, estraggono meglio o peggio l’ossigeno dal sangue per darlo a tessuti. 

È quindi un parametro legato alla tua capacità di performance, alla tua capacità aerobica ma è anche un parametro correlato alla nostra longevità: una VO2max alta è associata a una migliore efficienza cardiaca e polmonare, e questa efficienza può rallentare i processi di invecchiamento, riducendo il rischio ad esempio di diabete di tipo 2 e problemi cardiovascolari.

La VO2max è importante sicuramente per gli atleti: può essere un indicatore utile per monitorare i progressi nell’allenamento fisico e per stabilire obiettivi di fitness personalizzati.

Ma al di là degli sportivi, ti consiglio di misurarla anche per una tua idea di salute generale.

Come si misura la VO2max?

Il miglior test per calcolare la nostra VO2max è un test cardiopolmonare, ovvero un test da sforzo con maschera che misura i gas espirati. Questo è un test di fisiologia dell’esercizio che viene eseguito normalmente da atleti di élite o che tutti possiamo eseguire, in ottica di longevità.

Dove fare questo test? Scrivimi, lo inserirò presto in un mio studio!

Esistono poi altri test o delle formule matematiche semplificate per il calcolo del nostro VO2max, ma risultano essere molto grossolani o comunque meno affidabili, per cui te li sconsiglio.

Come migliorarla?

Allenarsi regolarmente migliora il valore di VO2max, specialmente se si inseriscono fasi di allenamento cardio a bassa ed alta intensità

Ma anche esercizi di resistenza continua, come corsa, nuoto, ciclismo sono sicuramente da considerare, così come esercizi di forza.

Con l’aiuto di un professionista puoi sicuramente trovare la tabella giusta a seconda delle tue caratteristiche e delle tue esigenze.

Importantissimo poi, lo hai già immaginato, lo stile di vita.

Una dieta bilanciata, su misura e naturalmente una corretta idratazione sono cruciali per supportare il tuo allenamento e il tuo recupero. Così come curare ogni altro aspetto del lifestyle, dal controllo dei fattori di stress, al sonno, ad eventuali dipendenze.

Tutto questo può essere molto utile anche per migliorare la HRV, altro parametro utilissimo di cui ti avevo parlato qui.

Esistono integratori?

Non esistono integratori per migliorare direttamente la VO2max, ma possiamo agire sul miglioramento della performance fisica e quindi indirettamente sulla VO2max.

Per l’allenamento di resistenza sicuramente puoi considerare la beta-alanina, un aminoacido non essenziale che aiuta a contrastare l’acido lattico, ritardare la fatica e aumentare l’intensità e la durata del tuo esercizio fisico.

Ti consiglio questa, pura, neutra.

Puoi acquistarla scontata col codice VS15.

Altre sostanze utili, a seconda del tipo di allenamento, potrebbero essere la creatina, la caffeina e gli omega 3.

Un piano di integrazione/supplementazione su misura andrebbe sempre valutato, come ti dico sempre, da un medico esperto in materia.

In conclusione, che tu sia un atleta di alto livello o una persona che cerca di mantenere uno stile di vita sano, misurare e migliorare la tua VO2max può avere benefici significativi sulla tua salute, sulle tue prestazioni fisiche e sulla tua longevità.

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

  • Chen, Y. L., Chuang, C. L., Hsu, Y. W., & Lin, Y. P. (2021). Effects of Different Intensities of Endurance Training on Heart Rate Variability and VO2max in Young Adults. Frontiers in Physiology, 12, 632369.
  • Seiler, S., & Haugen, O. (2007). Effects of endurance training on heart rate variability in already trained subjects. Medicine & Science in Sports & Exercise, 39(5), 756-763
  • Han, C., Chen, Y., Li, X., & Wang, Y. (2020). The relationship between heart rate variability and maximal oxygen uptake in overweight and obese adults after aerobic exercise intervention. BMC Sports Science, Medicine and Rehabilitation, 12(1), 1-8.
  • Bassett, D. R., & Howley, E. T. (2000). Limiting factors for maximum oxygen uptake and determinants of endurance performance. Medicine & Science in Sports & Exercise, 32(1), 70-84.
  • Levine, B. D. (2008). VO2max: what do we know, and what do we still need to know? Journal of Physiology, 586(1), 25-34.
  • Joyner, M. J., & Coyle, E. F. (2008). Endurance exercise performance: the physiology of champions. Journal of Physiology, 586(1), 35-44
  • Kim, S., Lee, D., Kim, H. J., & Kim, H. J. (2021). Relationship between heart rate variability and VO2max in healthy adults: a systematic review and meta-analysis. International Journal of Environmental Research and Public Health, 18(2), 492.
  • Derave, W., Ozdemir, M. S., Harris, R. C., Pottier, A., Reyngoudt, H., Koppo, K., Wise, J. A., & Achten, E. (2007). Beta-alanine supplementation augments muscle carnosine content and attenuates fatigue during repeated isokinetic contraction bouts in trained sprinters. Journal of Applied Physiology, 103(5), 1736-1743.
  • Saunders, B., Elliott-Sale, K., Artioli, G. G., Swinton, P. A., Dolan, E., Roschel, H., Sale, C., & Gualano, B. (2017). β-alanine supplementation to improve exercise capacity and performance: a systematic review and meta-analysis. British Journal of Sports Medicine, 51(8), 658-669.
  • Cooper, R., Naclerio, F., Allgrove, J., & Jimenez, A. (2012). Creatine supplementation with specific view to exercise/sports performance: an update. Journal of the International Society of Sports Nutrition, 9(1), 33.
  • Guest, N. S., VanDusseldorp, T. A., Nelson, M. T., Grgic, J., Schoenfeld, B. J., Jenkins, N. D., Arent, S. M., Antonio, J., Stout, J. R., Trexler, E. T., Smith-Ryan, A. E., Goldstein, E. R., Kalman, D. S., & Campbell, B. I. (2021). International society of sports nutrition position stand: caffeine and exercise performance. Journal of the International Society of Sports Nutrition, 18(1), 1.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *