Seleziona una pagina

Omega-3: tutte le info

Giu 26, 2023 | Alimentazione, Nutraceutica

Omega-3: una delle pochissime integrazioni per cui mi sento di dire possa essere davvero utilissima in tutti, a prescindere da patologie o terapie in corso.

Ne avrai sentito parlare mille volte, ma probabilmente non sai le informazioni aggiornate che ti racconterò tra poco.

Effetto antinfiammatorio

Già saprai che gli omega-3 sono acidi grassi polinsaturi essenziali, ovvero il nostro corpo non può produrli autonomamente e quindi devono essere assunti tramite l’alimentazione.

Da tempo si conoscono i loro benefici sulla prevenzione cardiovascolare ed in particolare sulla riduzione dei trigliceridi.

Ma un aspetto molto importante riguarda il loro potere antinfiammatorio.

L’assunzione di omega-3 può aiutare a contrastare l’infiammazione cronica di basso grado, condizione di cui ti parlo spesso, in quanto è un fattore di rischio importante per molte malattie, tra cui malattie cardiovascolari, diabete e disturbi neurologici.

Gli omega-3 favoriscono la produzione di prostaglandine ad effetto antinfiammatorio, mentre uno squilibrio a favore degli omega-6, che si trovano soprattutto negli oli vegetali come l’olio di semi di girasole, porta alla produzione di prostaglandine di tipo infiammatorio.

Ricercare nelle nostre analisi il rapporto omega-6/omega-3 è molto importante a scopo preventivo, ti parlerò molto presto di questo esame.

Altri benefici degli omega-3

La letteratura scientifica ha confermato altri benefici degli omega-3. Ad esempio, sono stati associati a una ridotta incidenza di depressione e miglioramenti nella salute del nostro cervello, compresa la funzione cognitiva e la memoria.

In particolare si parla di un’utilità nei confronti della depressione e nei confronti del disturbo di attenzione ADHD, ma servono maggiori conferme.

Gli omega-3 sono anche stati studiati per il loro potenziale ruolo nella prevenzione del cancro, proprio per la loro riduzione dell’infiammazione; sembrano importanti anche nel supporto alla salute dei nostri occhi e nella regolazione in generale dell’umore.

Infine è noto da anni che gli omega-3 siano utili per le donne in gravidanza, specialmente lo sviluppo del sistema nervoso e oculare del nascituro.

Dove trovo omega-3?

Ecco un utile elenco:

  1. Pesce grasso: il pesce come il salmone, la trota, il tonno, le sardine e l’aringa.
  2. Semi di lino: una fonte vegetale di omega-3. Li puoi aggiungere a yogurt, cereali o frullati.
  3. Semi di chia: un’altra fonte vegetale di omega-3. Possono essere mangiati interi o macinati e possono essere anch’essi aggiunti a yogurt o frullati.
  4. Noci comuni o ancora meglio le noci di macadamia.
  5. Olio di canapa.

In chi mangiasse poco pesce o volesse comunque integrare omega-3, che come dicevo all’inizio può essere davvero utile a prescindere, consiglio questo prodotto certificato IFOS che contiene anche vitamina E:

A seconda del caso clinico possono essere utili da 1 a 4 capsule molli al giorno.

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

  • Liao Y, Xie B, Zhang H, He Q, Guo L, Subramanieapillai M, Fan B, Lu C, McIntyre RS. Efficacy of omega-3 PUFAs in depression: A meta-analysis. Transl Psychiatry. 2019 Aug 5;9(1):190. doi: 10.1038/s41398-019-0515-5. Erratum in: Transl Psychiatry. 2021 Sep 7;11(1):465. PMID: 31383846; PMCID: PMC6683166.
  • Chang JP, Su KP, Mondelli V, Pariante CM. Omega-3 Polyunsaturated Fatty Acids in Youths with Attention Deficit Hyperactivity Disorder: a Systematic Review and Meta-Analysis of Clinical Trials and Biological Studies. Neuropsychopharmacology. 2018 Feb;43(3):534-545. doi: 10.1038/npp.2017.160. Epub 2017 Jul 25. PMID: 28741625; PMCID: PMC5669464.
  • Koletzko B, Lien E, Agostoni C, Böhles H, Campoy C, Cetin I, Decsi T, Dudenhausen JW, Dupont C, Forsyth S, Hoesli I, Holzgreve W, Lapillonne A, Putet G, Secher NJ, Symonds M, Szajewska H, Willatts P, Uauy R; World Association of Perinatal Medicine Dietary Guidelines Working Group. The roles of long-chain polyunsaturated fatty acids in pregnancy, lactation and infancy: review of current knowledge and consensus recommendations. J Perinat Med. 2008;36(1):5-14. doi: 10.1515/JPM.2008.001. PMID: 18184094.
  • Mozaffarian D, Wu JH. Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: effects on risk factors, molecular pathways, and clinical events. J Am Coll Cardiol. 2011 Nov 8;58(20):2047-67.
  • Chowdhury R, Stevens S, Gorman D, Pan A, Warnakula S, Chowdhury S, et al. Association between fish consumption, long chain omega-3 fatty acids, and risk of cerebrovascular disease: systematic review and meta-analysis. BMJ. 2012 Oct 30;345:e6698.
  • Casula M, Soranna D, Catapano AL, Corrao G. Long-term effect of high dose omega-3 fatty acid supplementation for secondary prevention of cardiovascular outcomes: A meta-analysis of randomized, placebo controlled trials [corrected]. Atheroscler Suppl. 2013 Jun;14(2):243-51.
  • Mori TA. Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: epidemiology and effects on cardiometabolic risk factors. Food Funct. 2014 Mar;5(9):2004-19.
  • Calder PC. n-3 fatty acids, inflammation and immunity: new mechanisms to explain old actions. Proc Nutr Soc. 2013 Aug;72(3):326-36.
  • Serhan CN. Pro-resolving lipid mediators are leads for resolution physiology. Nature. 2014 Apr 24;510(7503):92-101.
  • Kiecolt-Glaser JK, Belury MA, Andridge R, Malarkey WB, Glaser R. Omega-3 supplementation lowers inflammation and anxiety in medical students: a randomized controlled trial. Brain Behav Immun. 2011 Nov;25(8):1725-34.
  • Calder PC. Marine omega-3 fatty acids and inflammatory processes: Effects, mechanisms and clinical relevance. Biochim Biophys Acta. 2015 Apr;1851(4):469-84.
  • Skulas-Ray AC, West SG, Davidson MH, Kris-Etherton PM. Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: a science advisory from the American Heart Association. Circulation. 2016 Apr 26;133(18):e344-58.

4 Commenti

  1. Carlo Cipriani

    Nome del prodotto?

    Rispondi
    • VS

      è nell’articolo, se non riesce a vederlo qui c’è il link.

      Rispondi
  2. Genny Barbato

    L’assunzione di omega 3 insieme alla vit.D al mattino possono essere antagonisti nell’assorbimento?

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *