Seleziona una pagina

La colazione low carb è scientificamente migliore

Lug 24, 2023 | Alimentazione, Medicina Preventiva

È brutto a dirsi, ma la tipica colazione italiana non è corretta, né dal punto di vista ormonale, né dal punto di vista preventivo.

Caffè, biscotti, fette biscottate, pane, focaccia, marmellata, brioches, tazze piene di cereali, succhi di frutta. Mi spiace, se volete fare colazione in modo “scientifico”, nulla di tutto ciò spesso va bene, a parte alcune eccezioni, a seconda del biotipo.

Tutti questi alimenti portano carichi importanti di carboidrati, e ora ti illustro perché te li sconsiglio. La chiave qui è ragionare “low carb“.

Le ragioni principali sono 3, e sono coinvolti i nostri ormoni.

Cortisolo

Il primo motivo: il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress.

Questo, quando ci svegliamo, si alza fisiologicamente, ed è il momento in cui è più alto nella giornata: serve per darci l’energia necessaria ad attivare tutte le nostre funzioni, aumenta la glicemia e la pressione (che è più alta poco dopo svegli proprio per questo). Poi durante la giornata va a calare, sino ai minimi della sera e poi della notte.

Se fai una colazione ricca di carboidrati, ci possono essere squilibri del cortisolo, a causa del picco glicemico che si crea, causato dalla colazione e dall’alta presenza di cortisolo dopo che ti sei svegliato.

Quando l’insulina si mette a fare i lavori forzati per riportare giù la glicemia dopo la tua colazione, hai un calo di energie: questo può far alzare di nuovo il cortisolo, per ripristinare la glicemia. E se in questo calo di energie prendi un altro caffè per riprenderti, il cortisolo va ancora più su.

Tutti questi sbalzi di cortisolo creano stress, col rischio di avere sbalzi glicemici, sbalzi di pressione e negli anni di aumentare il tuo rischio metabolico e cardiovascolare.

Caffè

Il secondo motivo: Il caffè.

Il caffè aumenta lo stato di veglia, e come ti dicevo alza il cortisolo: tutto ciò può amplificare i problemi di prima.

Il caffè è assolutamente consentito, ma molto meglio dopo 2-3 ore che ci si è svegliati, ed è molto meglio consumare l’ultimo al massimo a pranzo, per evitare problemi di sonno in chi metabolizza lentamente la caffeina.

Avere problemi a dormire a sua volta aumenta lo stress e quindi via, ulteriore cortisolo!

Questo può essere favorito, anche se in forma molto minore, dal tè.

Insulina

Terzo motivo: l’insulina.

I lavori forzati dell’insulina per ridurre la glicemia che si impenna sia a causa della colazione ricca di zuccheri, sia del cortisolo che è alto per ragioni fisiologiche dopo il risveglio e perché magari bevi caffè appena sveglio, possono favorire nel tempo un’insulinoresistenza, sino poi anche ad un diabete di tipo 2.

È appena uscita un’ennesima nuova conferma di tutto ciò sull’American Journal of Clinical Nutrition che ci dice quanto una colazione low carb può essere più efficace nel ridurre le variazioni di glicemia, specialmente in chi ha un diabete di tipo 2.

Come fare una colazione low carb?

Una colazione con soprattutto proteine e un apporto di grassi riduce tutti questi rischi, ti fa sentire più sazio, non ti fa avere blackout durante la mattina e in genere non ti fa aumentare di peso come un’abbuffata di zuccheri.

Ha poi effetto preventivo come abbiamo visto sul rischio di sviluppare diabete e problemi cardiovascolari, e in generale riduce indubbiamente la possibilità di infiammazione cronica di basso grado.

La cosa migliore sarebbe una colazione studiata su misura dal punto di vista funzionale, in base alla tua condizione e al tuo biotipo; ti darò comunque consigli in generale.

In generale proporre pollo o salmone selvaggio di prima mattina spesso non è gradito, per cui ti propongo delle possibilità dolci, equilibrate e molto gradevoli:

  • un overnight porridge con avena, yogurt greco, frutta secca, cioccolato fondente;
  • una crêpe di albume d’uovo con farina di mandorle, cannella o cacao amaro, frutta secca;
  • pancake proteici con frutti di bosco, cioccolato fondente;
  • uova strapazzate con scaglie di cocco, avocado, frutti di bosco.

Non sono un food blogger e non mi metterò a raccontarti le ricette di tutto questo, le trovi molto facilmente in tantissimi siti diversi.

Mi raccomando, fammi sapere se hai provato a cambiare colazione, e dimmi qual è la tua preferita!

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Bibliografia

  • Barbara F. Oliveira, Courtney R. Chang, Kate Oetsch, Kaja Falkenhain, Kara Crampton, Matthew Stork, Malvinder Hoonjan, Thomas Elliott, Monique E. Francois, Jonathan P. Little, Impact of a Low-Carbohydrate Compared with Low-Fat Breakfast on Blood Glucose Control in Type 2 Diabetes: A Randomized Trial, The American Journal of Clinical Nutrition, 2023.
  • Bueno NB, de Melo ISV, de Oliveira SL, da Rocha Ataide T. Very-low-carbohydrate ketogenic diet v. low-fat diet for long-term weight loss: a meta-analysis of randomised controlled trials. Br J Nutr. 2013 Oct;110(7):1178-87.
  • Guldbrand H, Dizdar B, Bunjaku B, et al. In type 2 diabetes, randomisation to advice to follow a low-carbohydrate diet transiently improves glycaemic control compared with advice to follow a low-fat diet producing a similar weight loss. Diabetologia. 2012 Aug;55(8):2118-27.
  • Hu T, Mills KT, Yao L, et al. Effects of low-carbohydrate diets versus low-fat diets on metabolic risk factors: a meta-analysis of randomized controlled clinical trials. Am J Epidemiol. 2012 Oct 1;176 Suppl 7(Suppl 7):S44-54.
  • Meng Y, Bai H, Wang S, Li Z, Wang Q, Chen L. Efficacy of low carbohydrate diet for type 2 diabetes mellitus management: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Diabetes Res Clin Pract. 2017 Feb;131:124-131.
  • Tay J, Luscombe-Marsh ND, Thompson CH, et al. Comparison of low- and high-carbohydrate diets for type 2 diabetes management: a randomized trial. Am J Clin Nutr. 2015 Oct;102(4):780-90.
  • Volek JS, Feinman RD. Carbohydrate restriction improves the features of Metabolic Syndrome. Metabolic Syndrome may be defined by the response to carbohydrate restriction. Nutr Metab (Lond). 2005 Nov 16;2:31.
  • Westman EC, Yancy WS Jr, Mavropoulos JC, Marquart M, McDuffie JR. The effect of a low-carbohydrate, ketogenic diet versus a low-glycemic index diet on glycemic control in type 2 diabetes mellitus. Nutr Metab (Lond). 2008 Dec 19;5:36.
  • Yancy WS Jr, Foy M, Chalecki AM, Vernon MC, Westman EC. A low-carbohydrate, ketogenic diet to treat type 2 diabetes. Nutr Metab (Lond). 2005 Dec 1;2:34.

2 Commenti

  1. Cinzia

    Buongiorno! Ascoltavo I suoi video. Suggeriva dei link per le colazioni immagino, potrei averli?
    Con ammirazione, grazie mille

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *